Anonymous: È guerra totale contro Putin

Anonymous: È guerra totale contro Putin

Gli SMS anti-propaganda di Anonymous in Russia potrebbero rendere inutile la decisione di Putin di togliere il Paese da Internet.

Gli ultimi attacchi di Anonymous alla Russia hanno preso di mira i telefoni cellulari con SMS per dire la verità alla popolazione sull’invasione dell’Ucraina.

Questo trucco potrebbe rendere inutile la decisione di Putin di togliere il Paese da Internet per fermare la “propaganda avversa” e per ridurre i rischi di attacchi informatici contro infrastrutture critiche, siti web militari, media e istituzionali. Mosca, infatti, sta perdendo la cyber war contro Kiev e i suoi alleati in tutto il mondo. La differenza è che la Russia ha impiegato anni per sviluppare la quinta colonna che usa per trollare e distruggere l’Occidente dall’interno (Anonymous è stato un obiettivo particolare per oltre un decennio). All’Ucraina, invece, è bastato chiedere sinceramente aiuto per mobilitare un enorme esercito globale. Una delle migliori “armi” è Anonymous con #OpRussia, che ha spiegato a Difesa e Sicurezza perché ha ingaggiato questa guerra e il motivo per cui è così importante vincerla. Non solo per il popolo ucraino, ma anche per tutti nel mondo.

Perché #OpRussia e quali sono gli obiettivi principali.

“L’obiettivo principale di #OpRussia è smontare la macchina propagandistica di Putin e dare al popolo russo l’accesso a media veritieri e imparziali. I bersagli principali sono i siti di propaganda russi, i siti del governo e le sue reti di bot. Abbiamo già avuto un grande successo in tutti e tre i settori, anche se siamo stati presi di mira massicciamente dai bot russi e dalla disinformazione su tutte le forme di social media”. Inoltre, “è quasi impossibile dare un numero alla quantità esatta di persone in tutto il mondo che lavorano su questo”.

Il bilancio provvisorio dell’operazione anti-propaganda è ricco, nonostante gli stessi Anon siano stati presi di mira dalla cyber warfare russa.

Gli Anons “hanno violato oltre 3000 siti Web e database, tra cui il Cremlino, l’agenzia spaziale russa, il sito web del governo ceceno, Russia Today e molto altro ancora ogni minuto che passa”. Ciò, nonostante, siano essi stessi bersagli delle aggressioni della cyber warfare russa: “Ci scontriamo con individui che ci attaccano minuto per minuto. Per la maggior parte, sono facilmente evitabili e semplici da bloccare. Ogni tanto compare un grande e ci colpisce e per questo abbiamo avuto dei danni seri. Ma la cosa grandiosa del collettivo Anonymous è che è impossibile definire un individuo come leader e far svanire il collettivo. Ci sono così tanti Anons che mutiamo costantemente”.

Gli obiettivi principali sono Putin e la sua propaganda.

Il mondo deve fare pressione su questi temi e gli oligarchi possono essere una buona leva per aumentare il pressing.

“Pensiamo di aver visto finora dei grandi passi avanti, con paesi di tutto il mondo che hanno donato risorse, manodopera e attrezzature all’Ucraina. Dobbiamo continuare a prendere di mira Putin e la propaganda che sta diffondendo al suo popolo in modo che le persone possano vedere cosa sta realmente accadendo. Non dobbiamo lasciare che questa guerra sia una tendenza sui social media, che dimentichiamo quando non è più di moda”. Nel frattempo, ci sono alcuni segnali che i conti bancari degli oligarchi potrebbero presto essere presi di mira, svuotati e i fondi trasferiti alla popolazione ucraina. “Pensiamo di poter già vedere gli effetti di questa minaccia in atto, i figli di Oligarch hanno lasciato la Russia a frotte – afferma lo Stato di Anons -. Gli oligarchi russi stanno tentando di nascondere i loro yacht e aerei in giro per il mondo, non molto bene potremmo aggiungere. Pensiamo che il sequestro e la distribuzione di tali beni preziosi sia sicuramente una possibilità”.

L’intero continente europeo sta subendo ondate di attacchi della cyber warfare russa. Anonymous ha già contrattaccato contro Mosca, oltre ad attaccare gli alleati di Putin.

La Russia, inoltre, non ha attaccato solo l’Ucraina, ma anche l’intera Europa. “Kiev sta subendo un’invasione militare di terra, ma il resto dell’UE sta subendo ondate di attacchi informatici da Mosca. Dall’Estonia alla Francia, passando per la Germania e il Regno Unito. La Russia ha una lunga storia di cyber warfare, quindi non possiamo immaginare che questa volta sarà diverso. Anonynous ha già fornito lanciato contrattacchi contro Mosca oltre ad aver colpito gli alleati della Russia”.

venerdì 11 marzo 2022 > English > français

Tor Project

Tor protegge la tua privacy

Tor Browser è un pacchetto portable di Tor facile da usare. Scaricando e utilizzando Tor, puoi proteggere le persone che hanno bisogno di anonimato, come attivisti, giornalisti e blogger...

Tor Project
Anonymous in guerra contro Putin

Anonymous in guerra contro Putin

Hackerato anche il sito del ministero della Difesa russo. Anonymous è scesa "in guerra" al fianco dell’Ucraina contro la Russia, anzi, più precisamente, contro Putin, come fa sapere il collettivo in uno degli ultimi post su Twitter: "No. Anonymous non è in (...)


Anonymous Operazione 13 #SaveYourInternet

Anonymous Operazione 13 #SaveYourInternet

Ciao mondo, noi siamo Anonymous. Con inquietante disagio stiamo osservando la deformazione del copyright proveniente dal Parlamento Europeo. Il cosiddetto articolo 13, che è stato unificato il 13 febbraio dagli Stati dell’UE, dalla Commissione e dal (...)


Una lettera dal carcere di James Robinson

Una lettera dal carcere di James Robinson

Ciao fratello. Grazie per le tue parole e pensieri gentili. Significa molto avere il supporto che ho da tutti voi. Non è facile strappare una persona a chi ti ama e ami, ma sapere di avere il sostegno della mia famiglia e dei miei amici mi dà la forza di (...)


Buon compleanno Jeremy Hammond

Buon compleanno Jeremy Hammond

Per favore unisciti a noi per ottenere una cartolina e inviarla a Jeremy. “Se non avessimo Jeremy Hammond, Edward Snowden, Chelsea Manning, Barrett Brown, non avremmo una stampa libera.” Chris Hedges - Giornalista investigativo e autore. Gli hacker di (...)


Red Cross

Siamo con l'Ucraina

L'attacco del governo russo all'Ucraina ha messo in pericolo milioni di vite innocenti. Siamo con l'Ucraina per sostenere la loro libertà e difendere la democrazia. Se desideri sostenere l'Ucraina e il suo popolo nel momento del bisogno, considera di fare una donazione a the Red Cross.


/e/ Foundation
eFoundation è un'associazione senza scopo di lucro che guida lo sviluppo di sistemi operativi Open Source per mobile rispettosi della privacy dei dati degli utenti.

Tor Browser
Tor Browser
Comunicazioni confidenziali senza che vengano monitorate

NordVPN
Proteggi tutti i tuoi dispositivi.
2 anni - Risparmi il 72%